Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

La Voce Nel Linguaggio E Nel Canto

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "".
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    Capitolo 2 - Designate per la comunicazione

    Le parole sono l’espressione del pensiero - Le parole rivelano i sentimenti del cuore. Sia che gli uomini parlano poco o molto, le loro parole esprimono il carattere dei loro pensieri. Il carattere di un uomo può essere accuratamente valutato attraverso la natura della sua conversazione. Il suono e le parole vere, testimoniano lo stato d’animo. - Sons and Daughters of God p. 180VLC 8.1

    La comunicazione fra Dio e l’uomo - La parola è uno dei grandi doni di Dio. Le parole sono il mezzo mediante il quale si comunicano i pensieri del cuore. Con le parole convinciamo e persuadiamo. Con le parole consoliamo e benediciamo le anime confuse e ferite. Con le parole facciamo conoscere le meraviglie della grazia di Dio. Con la lingua possiamo pure pronunciare parole perverse, che pungono come una vipera.VLC 8.2

    La lingua è un piccolo membro, ma le parole che formula tuttavia hanno un grande potere. Il Signore dichiara: Nessun uomo da solo la può domare. Essa ha posto una nazione contro un’altra nazione, causa guerre e spargimenti di sangue. Le parole hanno incendiato fuochi che è difficile placare. In altri casi però, hanno portato gioia e allegria a molti cuori. E quando si pronunciano parole perché Dio ha comandato: Infondi a loro la mia Parola, molte volte sono state causa di tristezza e pentimento.VLC 8.3

    Del parlare non santificato l’apostolo Giacomo scrive: Anche la lingua è un fuoco, è il mondo dell’iniquità. Posta com’è fra le nostre membra, la lingua contamina tutto il corpo, infiamma il corso della vita ed è infiammata dalla Geenna. (Giacomo 3:6) Satana mette dei pensieri nella mente che il cristiano non dovrebbe mai pronunciare. Una risposta sprezzante, un’espressione amara, le accuse crudeli e piene di sospetto, provengono da lui. Quante parole dette possono fare del male a chi le pronuncia e a chi le ascolta.VLC 8.4

    Le parole dure colpiscono l’anima, risvegliando le sue peggiori passioni. Coloro che fanno del male con le loro lingue, seminano discordia mediante parole egoiste e piene di gelosia, rattristano lo Spirito Santo; perché sono in competizione con i propositi di Dio. - The Review and Herald, May 12, 1910.VLC 9.1

    Un potere per il bene - L’apostolo Paolo, vedendo l’inclinazione ad abusare del dono della parola, dà le direttive per quanto riguarda il suo utilizzo. Nessuna parola malvagia (corrotta) esca dalla vostra bocca, ma se ne avete una buona per l’edificazione, secondo il bisogno, ditela affinché conferisca grazia a quelli che ascoltano. E non contristate lo Spirito Santo di Dio, col quale siete stati sigillati per il giorno della redenzione. Sia rimossa da voi ogni amarezza, ira, cruccio, tumulto e maldicenza con ogni malizia. (Efesini 4:29-31) Il termine corrotta indica qualunque parola che dà un’impressione negativa nei confronti dei princìpi sacri della religione pura, e qualsiasi espressione che potrebbe eclissare la visione di Cristo e cancellare dalla mente il sentimento d’amore e simpatia. Questo include suggerimenti impuri, che se non vengono respinti, condurranno al peccato. Siamo tutti chiamati a respingere ogni comunicazione corrotta….VLC 9.2

    Custodite bene il talento della parola, perché è un tremendo potere per il male, ma anche per il bene. Non si può essere sempre attenti a quello che si dice; perché le parole che pronunciamo dimostrano qual è il potere che controlla la nostra mente. Se Cristo regna in voi, le vostre parole riveleranno la bellezza, la purezza e la fragranza di un carattere modellato e formato alla sua volontà. Mentre se vi lasciate guidare dal nemico, le vostre parole faranno eco ai suoi sentimenti maligni.VLC 9.3

    La Bibbia fa conoscere chiaramente la grande responsabilità che implica il dono della parola. “Perché dalle tue parole sarai giustificato, e dalle tue parole sarai condannato” dichiarò Cristo. E il salmista dichiara: O Eterno, chi dimorerà nella tua tenda? Chi abiterà sul tuo santo monte? Colui che cammina in modo irreprensibile e fa ciò che è giusto, e dice la verità come l’ha nel cuore, che non calunnia con la sua lingua, non fa alcun male al suo compagno, e non lancia alcun insulto contro il suo prossimo. Ai suoi occhi è disprezzata la persona spregevole, ma egli onora quelli che temono l’Eterno; anche se ha giurato a suo danno, egli non ritratta; non dà il suo denaro ad usura e non accetta doni contro l’innocente. Chi fa queste cose non sarà mai smosso. (Salmo 15:1-5)VLC 9.4

    Trattieni la tua lingua dal male e le tue labbra dal dire menzogne. (Salmo 34:13)VLC 10.1

    La bestia selvaggia della foresta può essere addomesticata… Ma la lingua nessun uomo la può domare. (Giacomo 3:8)VLC 10.2

    Solo attraverso Cristo possiamo ottenere la vittoria sul desiderio di parlare con parole precipitose, mancanti di cristianesimo. Quando mediante il suo potere ci rifiutiamo di pronunciare le parole che Satana ci suggerisce, la pianta dell’ammarezza nel nostro cuore inaridisce e muore. Lo Spirito Santo può fare della lingua un profumo di vita a vita. - The Review and Herald, May 12, 1910.VLC 10.3

    Un indizio del carattere - Ogni parola è un indizio del proprio carattere ed essa testimonia contro di voi. In questo vediamo l’importanza di esercitare con molta cura l’uso delle nostre parole. Questo talento è un enorme potere per il bene, se si usa correttamente, ma è anche un enorme potere per il male, quando le parole che si usano sono velenose. Se si abusa di questo talento, dal cuore procedono cattive intenzioni. Il nostro parlare dovrebbe avere un profumo di vita a vita e non di morte a morte.VLC 10.4

    Noi tutti, vecchi e giovani, non dovremmo imparare a usare nella nostra conversazione il linguaggio di coloro che saranno traslati nel Regno di Dio? Il nostro parlare non dovrebbe essere tale da essere ascoltato con piacere dal nostro Padre celeste?VLC 10.5

    Se affermiamo di essere cristiani, è nostro solenne dovere rivelare la Verità sia con le nostre parole sia con il nostro comportamento. La lingua è un piccolo membro, ma quanto bene può fare se il cuore è puro. Se riempiamo il cuore di cose buone, con la simpatia e la cortesia, con la tenerezza di Cristo, tutto questo verrà dimostrato nelle parole che pronunciamo e nelle azioni che realizziamo. La luce che brilla dalla Parola di Dio diventa la nostra guida. Nulla può indebolire di più la chiesa quanto l’uso erroneo del talento della parola. Se dalle labbra di un cristiano escono parole sconvenienti, egli disonora il Signore.VLC 10.6

    L’apostolo Paolo afferma: Perciò, miei cari, come mi avete sempre ubbidito non solo quando ero presente, ma molto più ora che sono assente, compite la vostra salvezza con timore e tremore, poiché Dio è colui che opera in voi il volere e l’operare, per il suo beneplacito. (Filippesi 2:12,13)VLC 10.7

    La qualità delle nostre opere è dimostrata dalle nostre parole. Quando le nostre parole e azioni si fondono in Cristo, dimostriamo che siamo consacrati a Dio, che perfezioniamo la nostra santificazione nel Suo timore. Se consegniamo a Lui la nostra anima, corpo e spirito, Egli opererà in noi il volere secondo il Suo beneplacito.VLC 11.1

    L’amore di Cristo nel cuore si rivela dalle espressioni di lode. Coloro che sono consacrati a Dio, lo dimostreranno dal loro linguaggio santificato. Se i loro cuori sono puri, le loro parole saranno pure, dimostrando un principio elevato, che opera con una condotta santificata. La mente resterà assorta in santa contemplazione e avrà un senso della presenza di Dio. - The Review and Herald, January 18,1898VLC 11.2

    Un mezzo per dichiarare l’amore di Dio - La parola è un talento. Di tutti i doni impartiti all’umanità, nessuno dovrebbe essere apprezzato tanto quanto il dono della parola. Si deve utilizzare per proclamare la saggezza e il meraviglioso amore di Dio. In questo modo i tesori della Sua grazia e della Sua saggezza saranno testimoniati agli altri. Counsels on Stewardship, 115VLC 11.3

    Parole condite con saggezza e purezza - Dalle nostre parole saremo giustificati o condannati. Quando nel giudizio finale compariremo davanti al tribunale di Dio, saranno le nostre parole quelle che ci giustificheranno o ci condanneranno. Nella vita lea parole sono implicate molto più delle azioni. Lasciate che le vostre labbra siano toccate con un carbone ardente dell’altare divino. Pronunciate solamente parole di verità. Vegliate e pregate affinché il vostro parlare e le vostre azioni possano confessare sempre Cristo. Che le vostre parole siano condite con saggezza e purezza. Lt 283 1904VLC 11.4

    Per impartire la Grazia di Cristo - Con parole vere e piene di promesse dobbiamo impartire le ricchezze della grazia di Cristo, che è sempre pronta per essere effusa su di noi. Rallegratevi del continuo nel Signore; lo ripeto ancora: Rallegratevi. (Filippesi 4:4) Se custodiamo il nostro parlare in modo che nulla di male esca dalle nostre labbra, daremo prova che ci stiamo preparando per diventare membri della famiglia celeste. Attraverso le nostre parole e azioni loderemo Colui che ci ha chiamati dalle tenebre alla Sua meravigliosa luce. Quale influsso riformatore avrà luogo, se come popolo riconosciamo il vero valore e la vera influenza che il talento della parola ha sull’animo umano.VLC 11.5

    Consiglio, incoraggiamento e ammonizione - Il talento della parola ci è stato dato affinché possiamo parlare non con parole di critica, ma parole di consiglio, parole d’incoraggiamento, parole di ammonizione. - The Review and Herald, July 20, 1905VLC 12.1

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents