Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

La Verità Sugli Angeli

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "".
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    Personificazioni di Satana dopo la fine del tempo di grazia

    L’ira di Satana aumenterà nella misura in cui il tempo si avvicina, e la sua opera d’inganno e distruzione raggiungerà il suo culmine durante il tempo d’angoscia. La pazienza di Dio sta per esaurirsi. Il mondo ha respinto la Sua misericordia, ha disprezzato il Suo amore, ha calpestato la Sua legge. I malvagi avranno superato i limiti della grazia, e il Signore ritirerà la Sua protezione e saranno lasciati al controllo di colui che si sono scelti…VA 234.2

    Per completare il grande dramma della seduzione, Satana stesso impersonificherà Cristo. La chiesa aspetta da molto tempo l’avvento del Salvatore come coronamento delle sue speranze e il grande seduttore farà credere che Cristo sia già venuto. In varie parti della terra, Satana si manifesterà fra gli uomini come un essere maestoso, circondato da uno splendore eclatante, simile alla descrizione del figlio di Dio fatta da Giovanni in Apocalisse 1:13-15. La sua gloria supererà qualsiasi altra manifestazione che gli uomini abbiano mai visto. Si udrà il grido trionfante nell’aria: “Il Salvatore è venuto”! “Il Salvatore è venuto”.VA 234.3

    Le folle si prostreranno in adorazione davanti a lui, mentre alzerà le mani e pronuncerà una benedizione come faceva Gesù con i suoi discepoli quando era su questa terra. La sua voce sarà dolce, suadente, melodiosa. Con un tono affabile, che esprime tenera compassione, egli esporrà alcune belle e celesti verità insegnate dal Salvatore. Guarirà i malati e, nella sua veste di pseudo cristo, affermerà di aver trasferito il riposo del sabato alla domenica e ordinerà a tutti di santificare il giorno da lui benedetto. Dichiarerà che quanti persistono nel voler santificare il settimo giorno bestemmiano il suo nome e rifiutano di ascoltare gli angeli che ha inviato loro con il messaggio della verità. Questo sarà l’inganno supremo, quasi irresistibile. 4SP 441, 442VA 235.1

    Satana si sta accorgendo che sta perdendo la sua causa, perché egli non può controllare tutto il mondo. Egli cerca di fare un ultimo disperato sforzo per vincere i fedeli con l’inganno. Lo farà impersonificando Cristo. Si vestirà col manto della regalità, accuratamente descritto nella visione di Giovanni, perché lui ha il potere di fare questo. Egli apparirà ai suoi seguaci ingannati, - il mondo cristiano che non ha ricevuto l’amore della Verità ma che si è dilettato nell’ingiustizia - come Cristo quando tornerà per la seconda volta. VA 235.2

    Proclama di essere Cristo, e la gente crederà che lui è Cristo, un essere meraviglioso, maestoso, rivestito di splendore, con voce dolce e parole gradevoli, con una gloria che mai è stata superata e occhi mortali abbiano contemplato fino a quel momento. Allora i suoi seguaci ingannati proromperanno in un grido di vittoria: “Cristo è venuto per la seconda volta! Cristo è venuto! Ha elevato le sue mani come faceva quando era sulla terra, e ci ha benedetto”… VA 235.3

    I santi guardano con stupore. Si lasceranno ingannare anche loro? Lo adoreranno? Vicino a loro vi sono gli angeli del Signore. Si ode una voce chiara, ferma, musicale: “Volgete lo sguardo al cielo”. La cosa più importante per coloro che pregano è la salvezza finale ed eterna delle loro anime. Questa speranza è stata sempre presente in loro: questa vita immortale, promessa a chi persevererà fino alla fine. Oh, quanto ferventi sono stati i loro desideri. Il giudizio e l’eternità sono vicini. Per fede i loro occhi erano fissi sul trono abbagliante, davanti al quale dovranno comparire chi sarà rivestito con vesti bianche e immacolate. Questo ha permesso loro di non cedere al peccato.VA 235.4

    Uno sforzo in più, e si materializzerà l’ultimo inganno di Satana. Egli ode l’incessante grido dei credenti, affinché Cristo torni a liberarli. La sua ultima strategia è impersonare Cristo, e fargli credere che le loro preghiere sono state esaudite. LDE 164, 165VA 236.1

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents