Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

Supplemento Al Commentario Biblico Di (Ellen G. White) Volumi Da 1a7 (Vecchio Testamento)

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "".
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    Capitolo 5:18,23

    La fiducia nell'uomo ostacola i messaggi di Dio — (Isaia 5:18; cap. 8:12) CBVT7A 353.1

    Gli uomini possono cercare di rafforzare la propria forza unendosi per costituire quelle che dicono essere società forti, per portare a termine i piani che hanno tracciato. Possono innalzare le loro anime con orgoglio e autosufficienza, ma Colui che è potente nel consiglio non è d'accordo con loro. La loro incredulità nei piani e nell’opera di Dio, la loro fiducia nell’uomo, non gli permetterà di ricevere i messaggi divini. (RH Dec. 22, 1896)CBVT7A 353.2

    19-23 - Gli uomini chiamano bene il male, e il male bene - (Isa. 5:19-23) (cap. 50:11)CBVT7A 353.3

    Al fine di esaltare le proprie opinioni, quelli che qui sono rappresentati utilizzano un ragionamento che non è autorizzato dalla Parola di Dio. Camminano alla luce delle torce che hanno acceso. Con il loro ragionamento ingannevole, confondono la distinzione che Dio intende tra il male e il bene. Il sacro è portato allo stesso livello delle cose comuni. L’avarizia e l’egoismo ricevono nomi falsi: sono chiamati prudenza. Il loro atteggiamento indipendente e ribelle, le loro vendette e testardaggini, davanti ai loro occhi sono prove di dignità ed evidenze di pensieri nobili. CBVT7A 353.4

    Essi agiscono, come se ignorare le cose divine non fosse per niente pericoloso e fatale per l’anima, e quindi preferiscono i loro ragionamenti anziché le rivelazioni divine, i loro propri piani e la saggezza umana, invece di accettare i consigli e gli ammonimenti divini. La pietà e la rettitudine degli altri sono chiamate fanatismo, e quelli che praticano la Verità e la santità sono derisi e criticati. Ridicolizzano coloro che insegnano e credono nel mistero della pietà. “In voi, Cristo è la speranza di gloria”. Non discernono i princìpi che sostengono queste cose, e continuano nelle loro vie malvage, anzi abbassano le difese affinché Satana abbia facile accesso alle loro anime. (RH Dec. 22, 1896) CBVT7A 354.1

    20 — Osserva per lodare non per condannare CBVT7A 354.2

    Le labbra che hanno pronunciato cose perverse contro i servi inviati da Dio, e hanno disprezzato i messaggi dati da loro, hanno fatto delle tenebre luce e della luce tenebre. Se invece di cercare - come hanno fatto i Farisei - qualcosa per condannare il messaggio e i messaggeri, qualcosa da deridere e schernire, se avessero aperto il cuore ai brillanti raggi del Sole di Giustizia, avrebbero potuto offrire una lode e non si sarebbero concentrati su qualcosa che si poteva fraintendere o distorcere per trovare difetti. (Letter 31a, 1894).CBVT7A 354.3

    Uomini capaci, ma non convertiti fanno gravi danni — (Isaia 5:20)CBVT7A 354.4

    Gli uomini possono possedere capacità che gli sono state affidate da Dio, ma se non sono umili e quotidianamente non dimostrano che sono convertiti, se non sono vasi d’onore, faranno dei danni maggiori a causa delle loro capacità. Se non sono disposti a imparare da Cristo, se non pregano e sottomettono le loro tendenze naturali ereditate e coltivate, alcuni tratti di carattere che Dio detesta pervertiranno il giudizio di coloro che si relazionano con essi. (Letter 31a, l 894).CBVT7A 354.5

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents