Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

Supplemento Al Commentario Biblico Di (Ellen G. White) Volumi Da 1a7 (Vecchio Testamento)

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "".
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    Capitolo 4: 17 — Vigilanza sopra gli uomini del destino

    L’onnipotente Signore Iddio regna. Tutti i re, tutte le nazioni sono suoi, sono sotto il Suo governo. Le Sue risorse sono infinite. Il saggio dichiara: Il cuore del re è nella mano dell’Eterno, è come un corso d’acqua; egli lo volge dovunque gli piace. (Proverbi 21:1) Quelli su cui sono posti i destini dei popoli, sono sorvegliati da una vigilanza che non conosce riposo da parte Sua, Colui che “dà la vittoria ai re” ai quali “appartengono gli scudi della terra”. (Salmo 144:10/47:9)CBVT7A 430.5

    (RH, March 28, 1907)CBVT7A 431.1

    33 — Oggi alcuni sono come il re Nabucodonosor CBVT7A 431.2

    Stiamo vivendo gli ultimi giorni della storia di questa terra, e non ci deve sorprendere l’apostasia che smentisce la verità. L’incredulità è diventata un’arte che distrugge le anime degli uomini. Vi è costante pericolo in cui la vita dei predicatori è in contraddizione con le parole che esprimono. Tuttavia la voce di avvertimento e d’ammonizione non cesserà fino alla fine dei tempi, e coloro che sono colpevoli di tali azioni che non dovrebbero mai essere praticate, nonostante sono stati ripresi o consigliati tramite gli operatori scelti dal Signore ma, hanno resistito e si rifiutano di essere corretti, essi andranno avanti come ha fatto Faraone e Nabucodonosor, finché il Signore li toglierà la ragione e i loro cuori diventeranno imperturbabili. Essi riceveranno la Parola del Signore, ma se sceglieranno di non ascoltarla, il Signore li renderà responsabili della loro rovina. (NL n° 31, p l.)CBVT7A 431.3

    37 — La conversione di Nabucodonosor CBVT7A 431.4

    Nella vita di Daniele, il desiderio di glorificare Dio era una motivazione molto forte. Egli si rese conto che, quando era in presenza di uomini influenti, l’incapacità di riconoscere Dio come fonte della sua saggezza avrebbe fatto di lui un amministratore infedele. Il suo costante riconoscimento dell’Iddio del cielo davanti ai re, ai principi e agli uomini di stato, non ha penalizzato minimamente la sua influenza. Il re Nabucodonosor, davanti al quale Daniele così spesso ha onorato il nome di Dio, è stato finalmente convertito. Ora, io, Nabucodonosor, lodo esalto e glorifico il Re del cielo, perché tutte le sue opere sono verità, e le sue vie, giustizia. (RH, Jan. 11, 1906).CBVT7A 431.5

    Una testimonianza sollecita ed eloquente CBVT7A 431.6

    Il re del trono babilonese è diventato un testimone di Dio, e dal suo cuore grato scaturisce una testimonianza sollecita ed eloquente. Egli è stato partecipe della misericordia e della grazia, della giustizia e la pace della natura divina. (YI, Dec. 13, 1904).CBVT7A 431.7

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents