Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

Testimonianze Per I Ministri E Per Gli Operai Del Vangelo

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "".
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    Il giudizio individuale deve essere esercitato

    Mi è stato mostrato che i responsabili dovrebbero evitare certi atteggiamenti che sono pregiudizievoli per l’opera di Dio. Gli uomini che occupano posizioni importanti non devono comportarsi da padroni sull’eredità di Dio, né disporre di tutto ciò che si trova intorno a loro. Troppe persone hanno indicato una linea prescritta e pretendevano che altri la seguissero nell’opera. Gli operai hanno cercato di seguirla con una fede cieca, senza esercitare giudizi personali riguardo al tema che avevano tra le mani. Se quelli che sono stati posti come amministratori non fossero stati presenti, avrebbero eseguito le sue istruzioni esattamente nello stesso modo. Ma nel nome di Cristo, io la prego di non farlo mai più. Dia agli uomini la possibilità di esercitare il proprio giudizio individuale. Gli uomini che seguono l’indicazione di altre persone, e sono disposti a far si che un altro pensi per loro, non sono idonei ad avere delle responsabilità. I nostri dirigenti sono negligenti su questo tema. Dio non ha dato a certe persone in particolare, tutta la capacità mentale che esiste nel mondo. Gli uomini che occupano posti di responsabilità dovrebbero dare credito agli altri e accettare il loro criterio, la loro capacità di ragionamento e perspicacia, e dovrebbero ritenerli all’altezza di realizzare l’opera che gli è stata comandata.TMGI 228.1

    I nostri dirigenti hanno commesso un grande errore nel dare agli operai tutte le indicazioni da seguire, il risultato conseguito è stata una mancanza d’iniziativa da parte degli operai, perché hanno dipeso da altri per tutti i loro piani, ed essi stessi non hanno assunto nessuna responsabilità. Se gli uomini che hanno preso su di sé le loro responsabilità uscissero dalle nostre fila o morissero, in quali condizioni si troverebbero le nostre istituzioni?TMGI 228.2

    I leader dovrebbero delegare le responsabilità agli altri, e permettergli di progettare dei piani e di ideare dei mezzi e metterli in pratica, allo scopo di accrescere le esperienze. Date loro una parola di consiglio quando è necessario, ma non toglieteli dall’opera perché pensate che i fratelli stiano sbagliando. Dio s’impietosisce della sua causa quando si segue senza discutere la mente e i piani di un solo uomo. Dio non sarebbe onorato se esisterebbe questo stato di cose.TMGI 228.3

    Tutti i nostri operai devono avere l’opportunità di esercitare il proprio giudizio e discrezione. Il Signore ha dato a tutti dei talenti, e desidera che questi talenti siano utilizzati. Egli ha dato all’uomo l’intelletto, e vuole che l’uomo pensi con la propria testa, e quindi egli deve programmare, ideare e pianificare, invece di dipendere solo dagli altri. Sono certa d’aver parlato di queste cose già altre volte, ma constato di non vedere alcun cambiamento nelle vostre azioni. Vorremmo che tutti i nostri uomini responsabili deleghino le responsabilità sugli altri. Assegnate alle altre persone alcuni compiti che li obbligano a tracciare dei piani e ad usare il loro giudizio. Non lì educate affinché dipendano da voi. I giovani devono essere addestrati a pensare e un giorno diventare delle valide guide. Fratelli miei, non credete per un solo istante che il vostro modo di operare sia perfetto, e che quelli che sono relazionati con voi debbano essere la vostra ombra, l’eco delle vostre parole e delle vostre idee ed eseguire i vostri piani.TMGI 228.4

    Special Testimonies to Ministers and Workers (Serie A, nr.6, 1896)pp. 61-65TMGI 229.1

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents