Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

Testimonianze Per I Ministri E Per Gli Operai Del Vangelo

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "".
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    Resistenza contro la Verit

    Ogni atto di resistenza rende più difficile la resa. Essendo i dirigenti del popolo, i sacerdoti e i governanti avevano grande difficoltà ad arrendersi a causa della loro posizione. Essi volevano dimostrare di essere nel giusto. Essendosi compromessi totalmente nella loro opposizione a Cristo, ogni atto di resistenza diventò un’ulteriore incentivo per persistere sullo stesso sentiero. Gli eventi notevoli della loro esagerata opposizione, furono considerati come dei tesori preziosi da custodire gelosamente. E l’odio e la malvagità che ispirò quegli atti si concentrò poi contro gli apostoli.TMGI 64.1

    Lo Spirito di Dio, manifestò la Sua presenza a coloro che indipendentemente dalla paura o del favore degli uomini, dichiaravano la Verità che gli era stata affidata. Sotto la dimostrazione del potere dello Spirito Santo, i Giudei si resero conto della loro colpa nel rifiutare la prova che Dio aveva inviato, ma nonostante tutto non vollero cedere nella loro malvagia resistenza. La loro ostinazione divenne sempre più determinata, e di conseguenza li portò alla rovina delle loro anime. Non è per il fatto, che non potevano cedere, perché avrebbero potuto, ma loro malgrado non vollero. Non si trattava solo della loro colpevolezza, e quindi meritavano d’essere oggetto dell’ira, ma essi acquisirono gli attributi di Satana, e con determinazione continuarono ad opporsi contro Dio. Giorno dopo giorno, nel loro persistente rifiuto di pentirsi, rinnovavano la loro ribellione. Si stavano preparando a raccogliere ciò che avevano seminato. L’ira di Dio non si dichiara contro gli uomini solo a causa dei peccati che hanno commesso, ma per aver scelto di rimanere in uno stato di resistenza, e avendo ricevuto la luce e la conoscenza, continuano a ripetere i peccati del passato. Se essi si sarebbero sottoposti al Signore, sarebbero stati perdonati, ma purtroppo erano determinati a non cedere. Essi sfidavano Dio con la loro ostinazione. Queste anime si erano sottomesse a Satana, e lui controllava la loro volontà.TMGI 64.2

    Che cosa avvenne con i ribelli abitanti del mondo antidiluviano? Avendo rigettato il messaggio di Noè, si abbandonarono alla malvagità e sprofondarono nel peccato più che mai, intensificando l’enormità delle loro pratiche corrotte.TMGI 64.3

    Coloro che rifiutano di conformarsi e di accettare Cristo, nel peccato non trovano nulla che li riformi; la loro mente è risoluta a continuare ad albergare lo spirito di ribellione; non si sentono e mai si sentiranno obbligati a sottomettersi. Il giudizio che Dio rivolse al mondo antidiluviano dichiarò la sua incurabilità. La distruzione di Sodoma proclamò che gli abitanti del territorio più bello del mondo si erano irreversibilmente arresi al peccato. Il fuoco e lo zolfo scesi dal cielo distrussero tutto e tutti, tranne Lot, sua moglie e le due figlie. La moglie, violando il comando del Signore si volse indietro e diventò una statua di sale.TMGI 64.4

    Quanta pazienza ebbe Dio con la nazione giudea nel sopportare le loro mormorazioni e ribellioni, trasgredendo il sabato e tutti gli altri precetti della legge! Egli dichiarò ripetutamente che i giudei erano peggiori dei pagani. Ogni generazione superava l’altra nel comportamento sempre più peccaminoso. Il Signore permise che fossero portati in cattività, ma dopo la loro liberazione, la Sua legge fu nuovamente dimenticata. Tutto ciò che Egli affidò a questo popolo affinché fosse rispettato e conservato come sacro, fu pervertito e sostituito dalle invenzioni di uomini ribelli. Cristo disse loro:TMGI 64.5

    Mosè non vi ha forse dato la legge? Eppure nessuno di voi mette in pratica la legge.TMGI 65.1

    Giovanni 7:19TMGI 65.2

    E questi erano gli uomini che si ergevano a giudici e censori su quelli che lo Spirito Santo aveva spinto a proclamare la parola di Dio al popolo.TMGI 65.3

    (Vedasi anche Giovanni 7:19-23,27,28; Luca 11;37-52TMGI 65.4

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents