Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

I tesori delle testimionianze 2

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "".
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    L’opera del colportore: un vero ministero

    Tutti quelli che vogliono avere l’occasione di svolgere un vero ministero e dedicarsi a Dio senza riserve, troveranno nel colportaggio l’opportunità di intrattenersi su molte cose che riguardano la futura vita immortale. L’esperienza così acquisita sarà del massimo valore per chi si prepara al ministero. La presenza dello Spirito Santo di Dio prepara gli operai, uomini e donne, a diventare pastori del gregge di Dio. Riflettendo sul fatto che Cristo è il loro compagno, proveranno un sacro timore unito a santa letizia anche in mezzo alle esperienze e alle prove più ardue. Impareranno a pregare durante il lavoro e a esercitarsi nella pazienza, nella benevolenza, nell’affabilitià e così a rendersi utili al prossimo. Praticheranno la vera cortesia, ricordando che Cristo, il loro compagno, non approva espressioni e sentimenti aspri e privi di bontà. Le loro parole saranno purificate e la potenza della Parola sarà considerata un talento prezioso che è stato loro affidato per svolgere un’opera utile e santa. L’agente umano imparerà a rappresentare l’Amico divino col quale è unito. Avrà rispetto per questo santo Essere invisibile del quale porta il giogo, e ne assimilerà i puri e santi modi di procedere. Quelli che hanno fede nell’Assistente divino si svilupperanno e riusciranno a rivestire di sacra bellezza il messaggio della verità.TT2 358.4

    Alcuni sono idonei al colportaggio e capaci di attuare in questo campo più di quanto potrebbero fare nella predicazione. Se lo Spirito di Cristo dimora nel loro cuore, essi avranno l’occasione di presentare agli altri la sua Parola e di dirigere le menti verso le particolari verità per il nostro tempo. Accade che degli uomini adatti per quest’opera la intraprendano; nondimeno qualche predicatore non molto avveduto li lusinga dicendo che le loro doti dovrebbero essere usate nella predicazione anziché nel colportaggio. In tal modo vengono spinti a conseguire il diploma di predicatore proprio coloro che avrebbero potuto essere formati per diventare ottimi missionari, per visitare le famiglie, per parlare e pregare con loro. Distolti da un’attività per la quale erano tagliati, diventano mediocri predicatori e il campo dove è urgente svolgere un intenso lavoro e nel quale si sarebbe potuto fare tanto bene, viene trascurato.TT2 359.1

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents