Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

I tesori delle testimionianze 2

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "".
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    Tempo di “vegliare e pregare”

    Noi viviamo in un’epoca in cui tutti dovrebbero prestare particolare ascolto all’ordine del Salvatore: “Vegliate e pregate, affinché non entriate in tentazione”. Matteo 26:41. Ognuno tenga a mente che deve essere sincero e leale nei confronti di Dio, credere nella verità e crescere nella grazia e nella conoscenza di Gesù Cristo. L’invito del Salvatore è: “Imparate da me, perché io sono mansueto e umile di cuore e voi troverete riposo alle anime vostre”. Matteo 11:29. Il Signore è disposto a soccorrere, a fortificare, a benedire, ma è necessario che noi passiamo attraverso il processo di affinamento fino a che non siano bruciate ed eliminate tutte le impurità del nostro carattere. Ogni membro di chiesa sarà sottoposto al fuoco della fornace, non per esservi consumato, bensì per esserne purificato.TT2 127.1

    Il Signore ha operato in mezzo a voi, ma anche Satana ha fatto la sua opera per introdurre il fanatismo. Vi sono anche altri mali da evitare. Alcuni si accontentano dei piccoli bagliori della luce e dell’amore di Dio percepiti, e non vanno oltre. La vigilanza e la preghiera non sono state coltivate. Nel momento stesso in cui si esclama: “Questo è il tempio dell’Eterno, il tempio dell’Eterno” (Geremia 7:4), le tentazioni penetrano e le tenebre si infittiscono intorno all’anima invasa dalla mondanità, dall’egoismo e dall’orgoglio. E’ necessario che il Signore stesso comunichi all’anima le sue idee. Che solenne pensiero! Al posto delle nostre idee misere, terrene, ristrette, il Signore metterà le sue idee, il suo pensiero nobile, vasto, di grande portata, orientato sempre verso il cielo.TT2 127.2

    Qui risiede il vostro pericolo: trascurare di proseguire “verso la mèta per ottenere il premio della superna vocazione di Dio in Cristo Gesù”. Filippesi 3:14. Il Signore vi ha dato la luce? Voi ne siete responsabili non solo mentre i suoi raggi risplendono su di voi, ma anche per tutto quello che essa vi ha rivelato in passato. Voi dovete arrendere quotidianamente la vostra volontà a Dio, camminare nella luce e aspettarne di più; poiché la luce che viene da alto, che procede dal Salvatore, deve rifulgere più chiara e più distinta in mezzo alle tenebre morali, crescendo d’intensità fino a che non sia giorno pieno.TT2 127.3

    I membri della vostra chiesa cercano tutti di raccogliere ogni mattina e ogni sera la manna fresca? Cercate l’illuminazione divina oppure escogitate dei mezzi per glorificare voi stessi? Amate e servite Dio con tutta l’anima vostra, con la vostra mente, con la vostra forza? Siete un soggetto di benedizione per quanti vi stanno intorno nel guidarli verso la Luce del mondo? Vi sentite paghi delle benedizioni passate, oppure camminate come Cristo camminò, agite come Egli agì, rivelandolo al mondo con le vostre parole e le vostre azioni? Vivete, come figliuoli di ubbidienza, una vita pura e santa? Cristo deve penetrare nella vostra vita. Egli solo può guarirvi dall’invidia, dal sospetto nei riguardi dei fratelli. Egli solo può estirpare da voi lo spirito di presunzione che alcuni di voi coltivano a proprio detrimento spirituale. Solo Gesù può farvi sentire la vostra fragilità, la vostra ignoranza, la vostra natura corrotta. Egli solo può purificarvi, affinarvi e rendervi idonei per le dimore celesti dei beati.TT2 127.4

    “Con Dio noi faremo prodezze”. Salmi 60:12. Quanto bene potete fare essendo leali con Dio e coi vostri fratelli, reprimendo ogni cattivo pensiero, ogni sentimento d’invidia o di presunzione! La vostra vita sia un ministero di bontà in favore degli altri. Voi non sapete quando sarete chiamati a deporre l’armatura. La morte può ghermirvi all’improvviso, senza darvi né il tempo di prepararvi per il vostro ultimo cambiamento, né la forza fisica e l’energia intellettuale per concentrare la vostra attenzione su Dio e rappacificarvi con lui. Alcuni, presto, sapranno per esperienza quanto sia vano il soccorso dell’uomo e come sia priva di valore la temeraria e presuntuosa giustizia di cui, forse, si sentivano soddisfatti.TT2 128.1

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents