Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

I tesori delle testimionianze 3

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "".
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    Capitolo 50: Le leggi della natura

    Soffermandosi sulle leggi della materia e della natura, alcuni perdono di vista — se non addirittura negano — la continua e diretta azione di Dio. Essi ritengono che la natura agisca indipendentemente dal’Eterno, avendo in sé i suoi limiti e traendo da sé le forze con le quali operare. Nelle loro menti c’è una netta distinzione fra naturale e soprannaturale. Il naturale è ascritto a cause ordinarie, indipendenti dalla potenza di Dio. La forza vitale è attribuita alla materia stessa e così la natura assume lo stesso ruolo di una divinità. Si suppone che la materia è posta in determinate condizioni e lasciata libera di agire in base alle sue leggi, leggi fisse. Dio non può interferire in tali processi. La natura è caratterizzata — essi dicono — da particolari proprietà e precise leggi che regolano sempre nello stesso modo i suoi processi.TT3 165.1

    Questa è falsa scienza. Non c’è nulla nella Parola di Dio che possa suffragare tale ipotesi. Dio non annulla le sue leggi, ma agisce continuamente per mezzo di esse, usandole come suoi strumenti. Esse non agiscono da sole. Dio dirige la natura; nulla lo può limitare. Il complesso divenire della natura testimonia la presenza intelligente e l’azione di un Essere che si muove a suo piacimento in mezzo alle opere che ha creato. Non è grazie a un potere originale inerente alla natura che anno dopo anno la terra dà le sue ricchezze e continua la sua orbita intorno al sole. Il nostro pianeta è guidato da una Potenza infinita costantemente al’opera. Esso è mantenuto nella sua particolare orbita dalla potenza di Dio.TT3 165.2

    L’Iddio del cielo è sempre al’opera. Mediante la sua potenza fiorisce la vegetazione, spuntano le foglie e sbocciano i fiori. Ogni goccia di rugiada, ogni fiocco di neve, ogni filo d’erba, ogni foglia, ogni fiore, ogni germoglio: tutto testimonia di Dio. Tutte queste piccole cose dimostrano che nulla sfugge al’iddio Infinito, che nulla è tanto piccolo da sottrarsi alla sua potenza.TT3 165.3

    Il meccanismo del corpo umano non può essere perfettamente compreso. Esso presenta dei misteri che confondono anche i più intelligenti. Non si tratta del’effetto di un meccanismo che una volta messo in moto continua autonomamente il suo funzionamento, come nel caso del battito cardiaco o della respirazione polmonare. In Dio noi viviamo, ci muoviamo e siamo. Ogni respiro, ogni battito del cuore sono costanti evidenze di un Dio onnipresente.TT3 165.4

    È Dio che regola il movimento della terra intorno al sole, è lui che apre le cateratte del cielo dandoci la pioggia. E’ lui che fa crescere l’erba sui monti. “Egli dà la neve in forma di lana, sparge la brina in forma di cenere”. Salmi 147:16. “Quando fa udire la sua voce, v ’è un rumore di acque nel cielo... (Egli) fa guizzare i lampi per la pioggia e trae il vento dai suoi serbatoi”. Geremia 10:13.TT3 165.5

    Il Signore usa al suo servizio la natura creata. Cristo ha detto: “Il Padre mio opera sempre e anch ’io opero”. Giovanni 5:17.TT3 165.6

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents