Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

I tesori delle testimionianze 3

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "".
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    Quelli che si lamentano

    “Voi usate parole dure contro di me, dice l’Eterno. Eppure voi dite: ’Che abbiamo detto contro di te?’. Voi avete detto: ’E’ vano servire Iddio; e che abbiam guadagnato a osservare le sue prescrizioni, e ad andare vestiti a lutto a motivo del’Eterno degli eserciti? Ora dunque noi proclamiam beati i superbi; sì, quelli che operano malvagiamente prosperano; sì, tentano Dio, e scampano!’” Malachia 3:13-15. Coloro che trattengono per sé quello che appartiene a Dio si lamentano in questo modo. Il Signore li invita a metterlo alla prova portando le loro decime nella casa del tesoro per vedere se Egli non riverserà su loro le sue benedizioni. Ma essi coltivano la rivolta nei loro cuori e si lamentano di Dio. Allo stesso tempo lo derubano dei suoi beni, appropriandosene. Quando questo peccato viene loro presentato, essi dicono: Ho avuto delle contrarietà; i miei raccolti sono stati scarsi, mentre gli empi hanno prosperato. Non vale la pena di osservare l’ordine dato dal Signore.TT3 24.1

    Dio non vuole che l’uomo viva infelicemente. Quanti si lamentano di Dio, in realtà sono essi stessi causa delle proprie calamità. Hanno derubato il Signore e la sua opera è stata ostacolata perché il denaro che avrebbe dovuto essere versato nel suo tesoro è stato adoperato per scopi egoistici. Essi hanno dato prova di infedeltà a Dio. Quando il Signore li benediceva e chiedeva loro di dargli la sua parte, essi scuotevano la testa come per dire che non vedevano perché avrebbero dovuto farlo, chiudevano gli occhi del’intendimento per non vedere. Trattenevano il denaro del Signore e ostacolavano l’opera che doveva essere svolta. I beni che Dio aveva loro affidati non sono stati usati alla sua gloria. Perciò Egli permette che la maledizione si abbatta su di loro e che il devastatore distrugga i loro frutti e li colpisca con le sue calamità.TT3 24.2

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents