Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

Supplemento Al Commentario Biblico Di (Ellen G. White) Volumi Da 1a7 Nuovo Testamento

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "".
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    Capitolo 12

    24 — 32 Occhi chiusi davanti alle prove — (cap. 9:34; Marco 3:22; Luca 11:15)7ACB 36.1

    I farisei attribuirono il potere di Dio che si manifestava nelle opere di Gesù alle agenzie sataniche, è questo fu il grave peccato contro lo Spirito Santo. Testardi, scontrosi con cuori di pietra, decisero di chiudere gli occhi all’evidenza, e quindi commisero il peccato imperdonabile. (RH, Jan 18, 1898)7ACB 36.2

    29, 307ACB 36.3

    Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, tutti i suoi beni stanno al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via l’armatura nella quale confidava e ne distribuisce il bottino.Chi non è con me, è contro di me; e chi non raccoglie con me, disperde. (Luca 11:21-23)7ACB 36.4

    Chi non è con me, è contro di me; e chi non raccoglie con me, disperde.7ACB 36.5

    Chi è con Cristo, rimane unito a Lui, lo invita nel suo cuore e ubbidendo ai Suoi ordini sarà protetto dalle insidie del maligno. Chi si unisce a Cristo, riceve la Sua grazia, la quale gli darà la forza, l’efficienza e la potenza per conquistare le anime a Lui; quando Cristo prende possesso dell’anima, l’uomo diventa uno strumento nell’opera di Dio. E mentre Satana si sforza di prendere possesso della sua anima, egli scopre che Cristo lo ha reso più forte di qualsiasi forza più potente di lui. (MS 78, 1899)7ACB 36.6

    30 - Vedi commento di EGW al cap. 16:247ACB 36.7

    31, 32 (Marco 3:28, 29; Luca 12:10)7ACB 36.8

    Vedi commento di EGW nel cap. Esodo 4:217ACB 36.9

    Lo studio determina la solidità della Verità7ACB 36.10

    Cristo non era in guerra contro gli uomini finiti, ma contro i principati e le potestà, contro gli spiriti malvagi nei luoghi alti. Egli disse ai suoi ascoltatori che ogni sorta di peccato e bestemmia può essere perdonato se è stato fatto per ignoranza. Nella loro grande cecità, gli uomini potrebbero dire parole d’insulto e derisione contro il Figlio di Dio, e tuttavia rimanere nei confini della misericordia. Ma, quando si ignora lo Spirito Santo e lo spirito del diavolo prende possesso dell’anima, in questo modo si crea una posizione in cui Dio non ha più alcun potere per raggiungere quest’anima e salvarla. Parlare contro Cristo, non è di per sé un peccato schiacciante, ma lo spirito maligno che porta gli uomini a fare certe affermazioni, li pone in una posizione di ostinata resistenza, la quale impedisce loro di vedere la luce spirituale.7ACB 37.1

    Loro pensano di seguire la Verità, mentre invece seguono un altro leader. Essi si sono messi sotto il controllo di un potere, così nella loro cecità diventano completamente ignoranti, perché hanno resistito allo Spirito di Dio che avrebbe potuto illuminarli e salvarli. Essi sono sulla scia del senso di colpa per la quale non ci può essere perdono né in questa vita né nella vita a venire.7ACB 37.2

    Non tutte le colpe esauriscono la misericordia di Dio ma, quando l’orgoglio e la testardaggine persistono nonostante il richiamo dello Spirito di Dio, allora sarà difficile convincerli del loro errore. In questi tempi gli uomini non sono in grado di soddisfare le condizioni del pentimento e della confessione dei peccati; pertanto non riescono a trovare la misericordia e il perdono. Il peccato della bestemmia contro lo Spirito Santo non concerne in una specifica parola o azione, ma innanzitutto la resistenza alla Verità. (MS 30, 1890)7ACB 37.3

    Il peccato contro lo Spirito Santo7ACB 37.4

    Nessuno è obbligato a considerare il peccato contro lo Spirito Santo come qualcosa di misterioso e indefinibile. Il peccato contro lo Spirito Santo consiste nel persistente rifiuto a rispondere all’invito di pentirsi.7ACB 37.5

    34-37, Vedi commento di EGW al cap. Salmi 19:14; Isa. 6:5-77ACB 37.6

    37- Santificazione della lingua7ACB 38.1

    Or io vi dico che d’ogni parola oziosa che avranno detta, gli uomini renderanno conto nel giorno del giudizio; poiché dalle tue parole sarai giustificato e dalle tue parole sarai condannato.7ACB 38.2

    Cessate di giudicare gli errori degli altri. Che il vostro parlare sia santificato da Dio. Evitate di dire le cose che possono danneggiare l’altro, perché le vostre critiche sono bestemmia contro il santo nome di Dio. Dobbiamo stare attenti a non usare il linguaggio di Satana. La lingua che Dio ha dato a tutti noi, deve essere utilizzata per glorificarlo nei nostri discorsi. Per non subire la sentenza del cielo, dobbiamo rimanere fedeli all’opera del Signore. (MS 95, 1906)7ACB 38.3

    42 — Più grandi di Salomone - (Luca 11:31)7ACB 38.4

    Cristo sapeva che i figli d’Israele ai tempi di Salomone, consideravano il re come il più grande monarca che abbia mai portato lo scettro su questa terra. Su esplicita richiesta di Dio, Salomone doveva costruire il tempio di straordinaria bellezza, ricchezza e gloria, che avrebbe portato dignità ad Israele come nazione. Salomone fu dotato di grande saggezza e il suo nome era elogiato da tutto il popolo. Agli occhi degli Israeliti, essere superiori a lui, significava possedere le prerogative della divinità. (Matt. 12:42) (YI Sept. 23, 1897)7ACB 38.5

    43 - 45 - Nessuna neutralità possibile — (Matteo 12:43-45; Luca 11:24-26)7ACB 38.6

    Cristo dimostra che non vi può essere una cosa come l’imparzialità al Suo servizio. Un’anima deve consacrare a Cristo totalmente ogni suo pensiero, voce, spirito ed ogni organo della mente e del corpo. Per fare questo dobbiamo essere riempiti della grazia di Cristo. (MS 78, 1899)7ACB 38.7

    La maledizione dell’auto giustificazione - (Isaia 57:12; 2 Pietro 2:20, 21)7ACB 38.8

    Una casa ornata rappresenta un’anima farisaica, falsa. Anche se Cristo allontana il nemico, egli torna sempre nella speranza di trovare un ingresso.7ACB 38.9

    In essa (la casa), anche se è adorna, egli non trova nulla tranne l’ipocrisia.7ACB 39.1

    Allora va, prende sette altri spiriti peggiori ed entra a prendervi dimora; e la nuova condizione di quell’uomo diventa peggiore della prima. Così avverrà anche a questa generazione perversa.7ACB 39.2

    L’auto giustificazione è una maledizione, un abbellimento umano, che Satana usa per la sua gloria. Coloro che guarniscono la propria anima con l’io e l’adulazione, preparano la via agli altri sette spiriti peggiori di quello di prima. Secondo la loro percezione, essi stessi si ingannano per proprio conto, perché stanno costruendo su una base di auto-giustizia. Le preghiere delle congregazioni possono essere offerte a Dio durante le cerimonie, ma se sono presentate con spirito di auto-giustizia, il Signore non è da loro onorato. Il Signore dice: Io proclamerò la tua rettitudine e le tue opere…che non ti gioveranno nulla. (Isaia 57:12) A dispetto di tutta la loro concezione, la loro abitazione guarnita, Satana arriva con una truppa di angeli del male per impossessarsi dell’anima e indurla in inganno.7ACB 39.3

    L’apostolo Paolo scrive: Se dopo essere fuggiti dalle contaminazioni del mondo mediante la conoscenza del Signore e Salvatore Gesù Cristo, si lasciano di nuovo avviluppare in quelle, e vincere, la loro condizione ultima diventa peggiore della prima. Perché meglio sarebbe stato per loro non aver conosciuto la via della giustizia, che, dopo averla conosciuta, voltar le spalle al santo comandamento che era loro stato dato. (2 Pietro 2: 20-21) (MS 78, 1899)7ACB 39.4

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents